Sei in: > Home > Nicaragua > Costa Atlantica > Storia
Invia ad un amico - Nicaragua Invia ad un amico
Español English Italiano Française Facebook logo

Storia della Costa Atlantica del Nicaragua

Iguana - Nicaragua
Immagine di una Iguana nella selva

Il 12 Settembre 1502 l'ammiraglio Cristoforo Colombo nel suo tentativo di arrivare alle Indie scoprì el litoral Caribe de Nicaragua dopiando il capo che oggi si conosce come Capo Gracias a Dios. Nel 1512,la Spagna inizió la “conquista” del litorale Caribico. In questo anno il Re Fernando Il Cattólico envió un governatore per prendere possesso di quelle terre e impiantare il suo dominio sopra gli aborígeni di questo litorale. Anche questo intento fallì perché gli indigeni ingaggiarono un sanguinosa lotta riuscendo a respingerlo assieme al suo esercito invasore.

Nel 1522 la Spagna lanciò una nuova invasione, questa volta partendo dal Guatemala e dall’ Honduras ma un anno dopo gli spagnoli furono nuovamente sconfitti e il loro attaco respinto. Per questo motivo li chiamarono “Indios Bravos” (indios feroci). Nell’anno 1600 la Spagna considerando fallito il tentativo di sottomettere gli indios con la forza della spada, al posto dei soldati inviò i monacimolti dei quali pederono la vitanegl incontri con le tribù feroci. Riassumendo la Sapgna non riuscì mai conquistar gli indígeni del Caribe, nonostante nel trattato di Tordesillas, la Costa Atlántica del Nicaragua apparteneva alla Spagna.

La spagna scoprì per prima la Costa Atlantica ma fallì nel suo intento di colonizzazione perchè si limitava a conquistare terre, ricchezze e schiavi. Diversamente l'Inghilterra, sua rivale, fece il contrario conquistando uomini e affetti per meglio raggiungere i suoi obiettivi di dominazione egemonia e comando.

Furono gli inglesi che iniziarono la colonizzazione della Mosquita nonostante la Spagna non rinunci mai al suo dominio sopra questo territorio. Nel 1633 il capitano inglese Sussex Cammock, sotto il comando del governatore dell'isola della Provvidenza, arrivò a capo Gracias a Dios, fondando una colonia commerciale tra i miskitos, ceh più tardi, nel 1644 denominarono Natividad, iniziando così l'occupazione inglese della Costa Caraibica del NicaraguaIl capitano Cammock portò due olandesi che potrebbero essere stati parenti visto che portavano lo stesso cognome. Questi erano Abraham o Albertus e William Blauvert. Fu il primo di questi che diede il proprio nome, nella forma inglese, al porto di Bluefield. L'occupazione inglese della Costa Caribe de Nicaragua nel 1633 è l'evento più importante sino a qule momento della storia del Centroamerica e della Costa Atlantica Nicaraguense.

Negli anni che seguirono il 1633 numerose piccole colone inglesi sorsero nella Costa Muitia specialmente a nei dintorni di Bluefields e capo Gracias a Dos. Le colonie erano formate da pochi uomini bianchi e molti indigeni di colore. I coloni inglesi si dedicarono al commercio e alla agricoltura. Sulle rive del Rio Coco e del rio Escondido impiantaron canna da zucchero e indigo e allo stesso tempo iniziarono lo sfruttamento delle foreste estraendone legname. Per i lavori nelle piantaggioni e il taglio del legname dipendevano più dagli schiavi neri che dagli indigeni locali visto che questi ultimi non si abituavanoa questo tipo di vita.

Tra il 1620 e il 1640 si realizzò l'alleanza Anglo Miskita. Dopo l'attacco all'isola di provvidenza da parte dell'impero spagnolo e il fallimento della Compagnia Providence Company, i miskitos prevedendo l'attacco spagnolo si estendesse alle sue comunità, cercarono l'appoggio di Re Carlo I (1625 - 1649) allora re d'Inghilterra. Questo fatto segna il primo atto formale di alleanza tra i miskito e gli inglesi. In questo momento ebbe inizio la dinastina miskita che fu insediata grazie all'appoggio inglese nel 1661. La dinastia che iniziò con il Gran Cacique che i pirati chiamarono Old Man stabilì la sua residenza al capo Gracias A Dios. Questo caique inviò suo figlio a Londra per essere educato sotto la tutela del nuovo re d'Inghilterra Carlo I. Riconoscendosi come vassallo del nuovo re d'Inghilterra Carlo II, il governator della Jamaica, Thomas LYnch venendo a conoscenza di questo le assegnò la nomina di monarca del territorio miskito in nome di Carlo II. Per formalizzare questa nomina, Old Men, fu condotto in jamaica dove fu incoronato con fastose cerimonie nel Palacio de Gobierno monarchico. Old Men regnò sino al 1677.

La dinastía mískita ebbe una grande espansiónw durante i secoli XVII y XVIII grazie alla sua alleanza con i bucanieri inglesesi. Con l'aiuto di armamenti forniti dai bucanerieri inglesesi con base in Jamaica riuscirono a soggiogare varie tribù sumus e li obbligavano a pagare imposte sotto forma di canoe, cuoio, cacciagione, maís, cacao, cauciù, etc. In Honduras scacciarono gli indios Payas che si trovavano sulle rive del Rio Tinto o Negro e al sud riuscirono ad estendere i suoi domini fino al Río San Juan, arrivando sino alla Laguna de Chiriquí causando lo spopolamento della regióne di Talamanca in Costa Rica.

Così il mískito aqquisì il controllo praticamente sopra tutto il litorale Atlántico da Cabo Honduras (vicino a Trujillo in Honduras) fino alla Laguna Chiriquí (Panamá). La sua lingua si estese a molti indios delle tribù vicine (sumu, rama y paya), e ancora oggi gioca il ruolo di lingua franca in certe zone della Costa Mosquita.

L'ultimo Re mískito della epoca coloniale fue Stephen I ( 1816-1820). La epoca post colonial nella Costa Atlántica si può suddividere n due parti: la prima va dal 1821 fino 1847 e la seconda si colloca tra 1847 fino 1894, anno della inglobamento de la Mosquitia. La prima parte si caratterizza per il conflitto político tra Inghilterra e Nicaragua. Questo conflitto fu il proseguimento del conflitto anglo spagnolo della epoca coloniale. Il período iniziò con il regno del Rè George III (1822-1823) che fu un negro puro eletto dagli inglesi per sostituire Roberto I giudicato troppo amico delgi spagnoli. In seguito, tra il 1823 e il 1841 si impose il regno di Roberto II che aveva la debolezza di elargire terre in cambio di vestiti vistosi. Il 1841 fu un anno di interventi inglesi data la congiuntura nei paesi centroamericani. Infine nel0 1847 e durante il regno del Rey Mosco George IV arrivarono da Herrnhurt a Nicaragua i primi missionari moravos.

Tra il 1847 e il 1894 si colloca il secondo periodo della epoca post coloniale della Costa Atlántica. In questa epoca, sempre sotto la dominazione inglese, la Costa del Caribe del Nicaragua fu staccata dal territorio nacional. Nel 1860 si firmó il Tratado de Managua attraverso il cuale l'inghilterra riconosceva la pertinenza del territorio al Nicaragua, pero imponeva una specie di Autonomía assoluta dall'ingranaggio político, fiscale e administrativo dela Costa Atlántica rispetto al resto del paese. In seguito al trionfo della Rivoluzione liberale nel 1893 la situazione cominció a cambiare, il presidente liberal José Santos Zelaya occupó militarmente Bluefields il 12 febbraio del 1894 annettendo per vía militar questo territorio rimasto disaggregato políticamente per tanto tempo dal resto del paese e stabilendo inquesto modo una continiutà territoriale tra la costa Pacífica e Atlántica del paese.

Offerte

Managua Airport Transfer


Managua Airport Transfer to Granada
managua airport transfer





This is the best shuttle service from the Managua International Airport to Granada
more info

Immobiliari


Casa de Playa en Venta
Casa de Playa en Venta

Inserisci il tuo annuncio Il servizio è gratuito

Eventi

Muestra de Glifos
18 artistas del grabado muestran su arte en ingenio
IX Festival Internacional de Poesía de Granada
Organizzato dal consiglio di amministrazione della Fondazione Internazionale Poesia Festival di Granada.
Nicatour - Nicaragua - America Central
Tel: +505 2552 7831 - Scrivici